Archivi categoria: Comitato Provinciale

ad Asolo

Immagine

politiche ambientali in Veneto

pista motocross di Giavera

Non è da tutti i giorni che la Regione Veneto revochi ad un Comune i finanziamenti erogati e già utilizzati, ma questo è riuscito a succedere a Giavera del Montello. Gli atti di indagine contro l’amministrazione comunale per reati patrimoniali e per reati di distruzione di habitat all’interno di un sito protetto, che hanno visto indagati nove soggetti tra cui un funzionario della Regione e l’ ex-sindaco Gottardo, si sono al momento conclusi presso il Tribunale di Treviso con un’archiviazione. L’ex sindaco, sui quotidiani, ha cantato vittoria come fosse un’assoluzione, ma non è così. Il Pubblico Ministero ha scritto che i reati inerenti il deterioramento e la distruzione di habitat sono da ritenersi prescritti, e quanto ai reati contro la pubblica amministrazione, ci sono, nello scritto del PM, passaggi tutt’altro che onorevoli per il Comune. Ricostruiamo brevemente i fatti: un idilliaco progetto di parco per famiglie è stato la copertura, per l’ex Amministrazione Comunale, di fare ciò che non avrebbe altrimenti potuto fare:

  • recuperare fondi pubblici per allestire i servizi atti a rimettere in attività una pista di motocross obsoleta e abusiva. Non esiste infatti un solo documento amministrativo di approvazione della pista, come ha accertato anche la perizia fatta svolgere dal Pubblico Ministero che ha condotto l’istruttoria;
  • bypassare i controlli sui vincoli idrogeologico e paesaggistico, nonchè il Piano d’Area, a cui il Montello è sottoposto;
  • trasgredire la legge statale “Codice dell’ambiente” del 2006, che agli impianti motoristici, in quanto produttori di rumori e sostanze inquinanti fortemente impattanti su aria acqua e suolo e sulle componenti biologiche dell’ambiente, comprese le persone, richiede una Valutazione di Impatto Ambientale, si tratti di piste di nuovo allestimento o di adeguamento di piste esistenti.

I cittadini di Giavera si trovano con 200.000 euro di debito da rimborsare alla Regione Veneto, ma il fatto paradossale è che l’attuale Amministrazione, seppure di diverso colore rispetto alla precedente, appoggia fin dal primo momento la ripresa delle corse: ha infatti approvato un nuovo Piano acustico comunale che concede alla pista, sita (secondo le analisi acustiche dell’estensore del Piano) nella zona più silenziosa di tutto il comune di Giavera, 30 giorni all’anno per prove e 20 giorni all’anno per gare, in totale 50 giorni, ovvero uno alla settimana e ha incaricato e pagato con denaro pubblico professionisti per depositare elaborati tecnici funzionali alle corse motociclistiche. Sicuri dell’incompatibilità della pista con la legge, con la tutela dell’ambiente e con la salute dei residenti chiederemo, in tutte le sedi preposte, che sia fermata la macchina perversa che ha generato l’attuale situazione. 16.11.2018

Associazione Amici Bosco Montello – boscomontello@gmail.com

Organizzazione Aggregata WWF Terre del Piave TV-BL – wwf.villorba@gmail.commontellowwf@libero.it

Associazione SOS Anfibi – sosanfibi@gmail.com

Immagine

spettacolo

serata di approfondimento

PerLePrealpi

PerLePrealpi, giunta sabato 22 e domenica 23 ottobre 2016 alla 4edizione, è un’iniziativa di promozione del territorio e di coinvolgimento degli escursionisti nella cura dei sentieri. Si partecipa individualmente, o con i propri famigliari ed amici, oppure con il proprio gruppo, o ancora aggregandosi ad una associazione aderente all’iniziativa.

L’ evento si propone i seguenti scopi: valorizzare natura e cultura del nostro territorio;

rafforzare la collaborazione fra le varie associazioni;

promuovere in tutti gli escursionisti un atteggiamento di rispetto e cura dei percorsi.

Quest’anno vi sono 12 associazioni aderenti che propongono 6 itinerari fra il fiume Piave e le Prealpi: durante le escursioni ognuno darà un piccolo contributo per pulire e migliorare il percorso.

Oltre ai gruppi sottoindicati, sostengono l’iniziativa: Ass. Amici dell’Antica Pieve – S. Pietro di F., Ass. Da Ponte a Ponte –

Ecco l’elenco degli itinerari:

  1. Ass. Una Montagna di Sentieri – Q.d.P.: Pian de le Femene e Valmorel.
  2. Ass. Va’ dee Femene – Tarzo: colline di Nogarolo e Tarzo.
  3. Ass. Le Roe e Gruppo Scout – Follina: Pedeguarda, Marzolle e Busa Scalona.
    4. Legambiente del Vittoriese: Perdonanze e sorgenti del Monticano.
    5. Legambiente Sernaglia: colline di Farra di Soligo.
    6. Ass. Cis – Mosnigo di Moriago: Palù di Mosnigo.

Per partecipare basta prendere contatti con una delle varie associazioni. Nel profilo Facebook PerLePrealpi sono pubblicati i dati essenziali delle escursioni ed eventuali aggiornamenti. Per ulteriori informazioni telefonare al numero 0438 82522 o scrivere a marcellodenoni@libero.it.

Immagine

a Zero Branco

ASOLO, 25.05.2017 – COMUNICATO STAMPA

Nasce il coordinamento “ColtiviAMO Futuro – Grappa, Asolo, Piave, Montello” in risposta al dilagare della monocoltura della vite in destra Piave.

Il rapido dilagare anche nella destra Piave della monocoltura della vite, sta portando con sé i gravi problemi già noti nella sponda sinistra del Fiume: inquinamento da uso massiccio di pesticidi, seri rischi per la salute, distruzione di biodiversità (danni alle api e agli anfibi ecc), modificazione del paesaggio, dissesto idrogeologico…

Il problema è “sovracomunale” e richiede l’impegno coordinato e sinergico dei cittadini e delle associazioni che operano in modo volontario e  gratuito per tutelare la qualità del territorio dove vivono, quello racchiuso tra Grappa, Colli Asolani, Piave e Montello.

Cittadini e associazioni che hanno deciso di dar vita ad un coordinamento, battezzato “ColtiviAMO Futuro – G.A.P.M.” per dare il segno di un approccio propositivo e costruttivo, all’insegna di una visione condivisa di sviluppo veramente sostenibile, in grado cioè di garantire sia l’economia, che la biodiversità, che la salute delle persone.

Le associazioni che hanno dato vita al coordinamento sono le seguenti:

  • GASolo
  • Arianova
  • Un’altra Borso c’è
  • ArianovaSostenibile
  • LIPU Trevigiana
  • Organizzazione Aggregata WWF Terre del Piave TV-BL
  • SOS Anfibi
  • Oasi San Daniele
  • Slowfood Alpe Madre MMG
  • GAS Grappa
  • Reg. Apicoltori Veneto
  • associazione “Il Fiore”
  • Amici Bosco Montello

e tanti cittadini e famiglie.

Il primo obiettivo del Coordinamento è attivarsi per una vera regolamentazione dell’utilizzo dei pesticidi e diserbanti. I regolamenti in uso infatti, sono del tutto insufficienti sotto il profilo della della salute dei cittadini esposti ai veleni, mentre invece sono molto soddisfacenti per le imprese agricole. Inoltre di fatto manca un organo di controllo preparato e mancano delle sanzioni adeguate che siano da deterrente a pratiche scorrette.

Il discorso vale anche e specialmente, per il nuovo regolamento della DOCG Asolo Montello, attualmente in corso di adozione nei 14 comuni della destra Piave, che è stato fortemente voluto dallo stesso Consorzio DOCG Asolo Montello e sottoposto ai Consigli comunali senza un loro pieno coinvolgimento in fase di definizione dei contenuti. Procedura quest’ultima del tutto discutibile sotto il profilo della regolarità amministrativa.

Il primo atto di ColtiviAMO Futuro sarà partecipare domenica 28 maggio a Cison di Valmarino, all’importante MARCIA STOP PESTICIDI indetta dai comitati della sinistra Piave e del bellunese.

Domenica 28 maggio pertanto, sarà anche la data simbolica di fondazione del Coordinamento ColtiviAMO Futuro

Il secondo atto sarà presentarsi ai Comuni dell’area Grappa – Asolo – Piave – Montello, per aprire un dialogo costruttivo, finalizzato a gettare le basi per una vera regolamentazione a tutela della salute delle persone e del territorio locale e non solo del pur importante business del prosecco.

Il Coordinamento per il momento non si è dotato di portavoce o referenti, ed è rappresentato da un gruppo di lavoro comprendente i rappresentanti di ogni gruppo fondatore o futuro aderente, a garanzia della massima trasparenza e coinvolgimento democratico.

Domenica 28 maggio l’appuntamento è a Cison alle 10.30, ma per i cittadini che vogliono partecipare con ColtiviaAMO Futuro, i punti di ritrovo sono alle 9.00 al Maglio di Pagnano e alle 9.30 al Palapace di Cornuda da dove, compattati i posti auto, ci si dirigerà tutti assieme a Cison.

Il Coordinamento ColtiviAMO Futuro – coltiviamofuturo@gmail.com

campagna #SALVAILSUOLO – incontro

A San Valentino, Salviamo il Paesaggio Asolano & Castellana insieme a Castelfranco per, Italia Nostra, ApS Sentiero degli Ezzelini e Cason del Pometo dedicano una serata a #SALVAILSUOLO, la campagna dei cittadini europei per una direttiva che difenda il suolo Europeo dalla cementificazione, dall’inquinamento e dagli interessi speculativi.

Perchè il suolo è un bene più prezioso dell’acqua, dell’aria e del sole visto che servono 2000 anni per formare 10 cm di suolo e 4 secondi per distruggerlo con un colpo di benna! Saranno con noi l’On. Luisa Calimani, membro effettivo dell’Istituto Nazionale di Urbanistica, Andrea Zanoni, Vicepresidente della Commissione Ambiente e Romeo Scarpa, Presidente di Italia Nostra, sezione di Treviso. Ti aspettiamo!

1

2

Immagine

festa dell’albero

immagine